CodeStar : Sviluppo & Rilascio Rapido della tua App su Amazon Web Services

All’ Aws Summit di San Francisco di quest’anno Werner Vogels (CTO di Amazon) ha presentato alcune nuove interessanti funzionalità implementate nel già ampio set di servizi. Uno fra questi si chiama CodeStar e l’ho trovato così interessante da scriverci quest’articolo!

Sicuramente voglio partire da quello che dice la rete, ed un commento che ho letto qui  mi ha fatto riflettere. Sia chiaro che non voglio esser di parte eh!

Amazon Web Services comincia a far sembrare antiquato il termine devOps però a rifletterci bene viene da chiedersi: se automatizziamo tutti i processi di rilascio del codice chi sarà in grado poi di farci la manutenzione?

Teniamo conto che dal 2006  ad oggi (2017 – lo dico perché non so quando leggerai quest’articolo eh…) si contano oltre mille servizi rilasciati dal noto sito internet che iniziò vendendo libri. Per esempio si parte da una istanza EC2 (non è altro che un server virtuale) poi si passa ad un Elastic BeanStalk che ti permette di definire un tuo Ambiente il quale poi tramite altri servizi di AWS come CodeCommit (per tenere la repository del codice del tuo progetto) e naturalmente CodePipeline (per la gestione delle fasi di test e deploy in produzione del codice). Insomma sembra un paese dei balocchi con tutti questi giochi tecnologici! Il punto in tutto questo, ed Amazon l’ha capito bene, è che si perde troppo tempo a configurare questi Ambienti perché la molteplicità di servizi offerti, per quanto meravigliosi, nel loro insieme rischiano di costituire un caotico insieme di cose che lavorano tra loro solo se le configuri a dovere.

A venirci in salvo c’è quindi CodeStar!

Una interfaccia che semplifica e soprattutto unifica il tutto in una unica dashboard. In pochi minuti sarete in grado di fare un deploy di una applicazione.

La prima cosa che CodeStar richiede è di scegliere un template (che segretamente sono ambienti pre-configurati di beanstalk).

codestar-seleziona-template

Completata la configurazione guidata (che onestamente trovo molto semplice ed intuitiva) bisognerà agganciare il proprio editor (per esempio phpStorm, Visual Studio Code o altri…) tramite la repository git ed iniziare il proprio sviluppo.

Il tutto, avendolo visto io per la prima volta, sono riuscito a farlo in 10 minuti al massimo ed avevo immediatamente un endpoint diponibile per il mio applicativo. Ho trovato utile anche l’integrazione di Aws con JIRA su questo servizio.

Conclusioni

I benefici di CodeStar sono senz’altro la facilità e la velocità con cui si possa configurare il tutto; per esempio apprezzo la filosofia di Gitlab su questo tema:

Focus on building your product, not configuring your tools

Ma allo stesso tempo bisogna esser consapevoli che tutto questo automatizzare può facilmente portare ad un senso di claustrofobia. Non saremo più in grado di fare modifiche ma solo configurazioni.

Video della presentazione

By | 2017-04-21T23:26:10+00:00 aprile 21st, 2017|aws, Novità|